logoPhoto Oliviero Toscani for the editorial Unilook, in <L'Uomo Vogue>, December 1971-January1972. Courtesy of Nast Italia Archive

ITALIANA

L'Italia vista dalla moda
1971 — 2001

22.02 — 06.05.2018

Palazzo Reale, Milano

Piazza Duomo 12

Curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi

ACQUISTA IL BIGLIETTO ONLINE*

L’intero ricavato della vendita dei biglietti sarà devoluto a CNMI Fashion Trust.

ACQUISTA NEI PUNTI VENDITA

*TicketOne - Info line e call center: 02-89709022

ITALIANA. L'ITALIA VISTA DALLA MODA 1971-2001

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001: una mostra promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e Camera Nazionale della Moda Italiana con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia, grazie al main partner YOOX NET-A-PORTER GROUP, alla collaborazione con Pomellato e ai manichini di La Rosa.
Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001 è un progetto in forma di mostra e libro, ideato e curato da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi.

Italiana celebra il sistema italiano della moda nel trentennio seminale che cementa relazioni e scambi tra gli esponenti di una generazione di stilisti, industriali, designer, artisti, architetti e intellettuali che ha definito l'immagine dell'Italia nel mondo e l'ha inserita nelle rotte della cultura internazionale.
Italiana è un aggettivo che diventa sostantivo per evidenziare l'insieme di tratti, stili e atmosfere che definiscono la cultura italiana nelle sue forme e nelle sue espressioni. Il sottotitolo L'Italia vista dalla moda - evocazione dell'episodio La terra vista dalla luna firmato da Pier Paolo Pasolini per il film Le streghe (1967) - afferma la moda quale punto di vista privilegiato dalla narrazione e la necessità di tracciare una direzione critica.
1971-2001 è il lungo periodo in cui si manifestano i processi di messa in discussione degli equilibri conquistati nel secondo dopoguerra. La data di inizio marca simbolicamente la cesura dall'alta moda e l'inizio della stagione dello stilismo: è l'anno in cui Walter Albini sceglie Milano per la prima sfilata della linea che porta la sua firma, ed è l'anno in cui in Italia nasce il Movimento di liberazione della donna.

La data di fine è emblematica e segna il passaggio fra due secoli: la moda italiana cambia pelle e si trasforma definitivamente in un fenomeno globale; è l'anno degli attentati dell'11 settembre, segno doloroso della radicale e definitiva crisi di un sistema internazionale già sconquassato dalle mutazioni geopolitiche degli anni novanta.
La narrazione di Italiana rende presenti in modo simultaneo le vicende degli attori che compongono l'affresco della moda italiana: i protagonisti della stagione della confezione industriale di qualità si confrontano con lo stilismo che esplode e trionfa nel corso degli anni ottanta, per giungere fino a quei nomi e a quei marchi che nel corso degli anni novanta si sono trovati ad abitare un panorama internazionale definito dalle traiettorie di un'economia degli stili globale, fra istanze glocaliste e azioni dettate dalle multinazionali del lusso e dalla nuova figura del direttore creativo.
Italiana. L'Italia vista dalla moda 1971-2001 si configura come un viaggio che attraversa la moda italiana e ne restituisce il valore di fenomeno policentrico, capace di rapportarsi con vari saperi e intelligenze. L'itinerario intreccia una pluralità di oggetti e visioni e dispiega una narrativa della moda in tre decenni cruciali che l'hanno vista definirsi in rapporto simbiotico con la storia sociale, politica e culturale del nostro paese. Questo viaggio privilegia all'ordine cronologico una costellazione di temi che intende restituire la moda italiana nelle sue manifestazioni più significative e nelle sue qualità identificative, e che tiene insieme design, arte, fotografia ed editoria. Un paesaggio progettuale originato da una ricerca aperta, che risponde alle sollecitazioni del tempo sempre presente della moda.

1

Identità

Entra

Completo Gucci, Foto Paolo Roversi. Dal servizio Man Suit, Vogue Italia, gennaio 2001. © Paolo Roversi

2

Democrazia

Entra

Abiti Giorgio Armani, Foto Aldo Fallai. Dal servizio Reportage da una collezione, L'Uomo Vogue, febbraio 1980. Courtesy Condé Nast Italia

3

In forma di logo

Entra

Abiti Laura Biagiotti e accessori Fendi. Foto Oliviero Toscani. Dal servizio I multipli dell'alta moda, Vogue Italia 1971. Courtesy Archivio Condé Nast Italia

4

Diorama

Entra

Cinzia Ruggeri, abito Omaggio a Lévi-Strauss, collezione autunno/inverno 1983-1984. Foto Giovanni Gastel / © Giovanni Gastel

5

Project room

Entra

Scatto dal servizio Gli Archizoom e il dressing design, L'Uomo Vogue, agosto/settembre 1972 Foto Oliviero Toscani. Courtesy Archivio Condé Nast Italia

6

Bazar

Entra

Pareo Missoni, foto Fabrizio Ferri. Dal servizio Africa, Vogue Italia, giugno 1989. Foto Fabrizio Ferri. Courtesy Archivio Condé Nast Italia

7

Post produzione

Entra

Caban e pull di Valentino Beachwear. Foto apparsa sulla copertina di Mondo Uomo, maggio 1985. Foto Giovanni Gastel / © Giovanni Gastel

8

Glocal

Entra

Scatto dal servizio Il mantello a ruota che si chiama tabarro, L'Uomo Vogue, novembre 1979. Foto Alfa Castaldi / Courtesy Archivio Alfa Castaldi

9

L'Italia degli oggetti

Entra

Zainetto Prada, artwork di Riccardo Miotto